3 • Viaggio in pillole tra i dolci triestini e goriziani

Il Presnitz

Presnitz

Il Presnitz è un delizioso dolce le cui origini risalgono ai primi dell’Ottocento, tramandata di generazione in generazione
e che con il tempo ha subito qualche piccola modifica.

E’ un dolce tradizionale mitteleuropeo di Trieste e di Gorizia dove viene chiamato anche gubana.
Il Presnitz, questa singolare prelibatezza, ha una dubbia origine: si pensa infatti che sia di origine austroungarica e che sia stato
preparato per la prima volta a Castagnevizza del Carso (Slovenia).

Altri, invece, affermano che il dolce abbia origine triestina e che sia stato realizzato per l’Imperatore Francesco I e l’Imperatrice Carolina Augusta di Baviera.
Molto amato dai triestini, questo dolce tipico non manca mai a tavola in occasione delle feste, Natale compreso.


Il Presnitz ricorda quella tradizione del Nord Italia di combinare una pasta dolce, pasta sfoglia, con la frutta secca e spezie, ha qualche parentela con
la gubana di Cividale, la putizza, la potica e la gubana delle Valli del Natisone; non ci sono confini in una sola parola: globalizzazione,
come scrive Roberto 
Zottar, ‘un arcobaleno di sapori e di varianti’.”

La ricchezza di questo dolce dal gusto raffinato ed avvolgente è unica nel suo genere, così come la sua forma circolare che potrebbe derivare
da un’iscrizione riportata durante la visita dell’imperatore
“se girerai il mondo, torna qui”. 

Un’altra leggenda, invece afferma che la spirale ricorda la corona di spine di Cristo visto che il dolce è di tradizione pasquale.

Anche Pellegrino Artusi, autore de “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, assaggiando il
 Presnitz in una pasticceria di Trieste, ne fu così entusiasta da riportare la ricetta nel suo libro.

Non so voi, ma personalmente, penso al più presto di cimentarmi in cucina per preparare il Presnitz.

Riuscirò nell’impresa? Beh, ci proverò.

Buon appetito e a presto con altri dolci

Antonella Belisario

Ricette cucina di Caterina Camalich in Tarabocchia, ricopiate a Trieste 22 novembre 1949" e trascritte da Laura Campanacci nel 2003
Cucina triestina di Maria Stelvio. Trieste 1980